Cookie Consent by Free Privacy Policy website
MENU

Local Seo: guida al posizionamento su Google per negozi e attività locali

Local Seo: guida al posizionamento su Google per negozi e attività locali

Con local SEO si intendono tutte quelle attività di ottimizzazione che hanno l’obiettivo di scalare le SERP “locali”, cioè le SERP basate su una local Search.

Considerata l’enorme crescita delle ricerche da mobile, la local Seo è ormai fondamentale in qualsiasi strategia di web marketing.

Bisogna infatti considerare che spesso le persone fanno ricerche con l’intento di trovare attività o servizi nelle vicinanze, fondamentale per quelle attività come ristoranti, pizzerie, bar, negozi, i cui clienti sono soprattutto clienti locali.

Sappiamo bene che i risultati di ricerca non sono tutti uguali, ma cambiano a seconda della localizzazione: Google sta dando molta rilevanza alle attività locali, che ovviamente hanno target e obiettivi diversi rispetto alle multinazionali dell’e-commerce.

Studiare dunque come scalare le SERP locali è importantissimo per dare ai clienti “local” risultati tangibili.

Che cosa sono le Serp locali

L’ascesa del mobile ha contribuito al “successo” delle local search e, di conseguenza, delle local SERP.

Le SERP locali sono il risultato di ricerche geolocalizzate e si possono presentare in diversi modi:

  • box con mappa: in un box apposito appare la localizzazione delle attività locali più cercate locali: per esempio, se cerchiamo una pizzeria, un box con una mappa ci indicherà le attività in cui ci troviamo Nelle vicinanze dove ci troviamo
  • box per hotel e ristoranti: box dedicato a questo tipo di attività basato sul local teaser pack, diverso a seconda della localizzazione
  • box con Knowledge Graph: compaiono a destra delle Serp e sono dei box con la scheda di Google My business dell’attività cercata

Per quanto riguarda il box con la mappa, uno dei tre risultati è sponsorizzato: ecco perché può essere utile fare una (buona) campagna di Google AdWords.

Che cos’è Google My Business

Lanciato nell’ormai lontano 2014, Google My Business è una funzione che permette ai proprietari di attività locali di fornire al motore di ricerca tutti i dati necessari per posizionarsi nelle SERP. Questa funzione ha riunito in un’unica dashboard Google Maps e le pagine Google Plus local.

Google My Business è un servizio gratuito, costituito in sostanza da una scheda dove vanno indicate la località, i servizi e i prodotti venduti, le modalità di contatto e le recensioni

Se le aziende aggiornano i propri dati costantemente e interagiscono con gli utenti abilitati, Google premierà l’attività.

La stessa Google ha indicato le linee guida per migliorare il ranking su Google My Business: dev’esserci pertinenza fra l’attività e i dati inseriti, bisogna indicare con precisione il prodotto o il servizio offerto, la località e la rilevanza.

Google My business offre anche la funzionalità Adwords Express, che dà la possibilità di pubblicare annunci locali legati alla posizione dell’attività (gli annunci vengono di visualizzati su dispositivi mobili).

All’interno della local SEO, Google My business acquisisce un’importanza fondamentale: non sfruttarlo è un autogol!

I fattori di ottimizzazione nel local SEO

Ci sono diversi fattori che possono aiutare il posizionamento nelle local Search.

In primis, è necessario avere un profilo Google My business ottimizzato: questa è la base di partenza.

Altri fattori fondamentali sono:

  • qualità, numero e varietà dei link in entrata (devono provenire soprattutto da domini locali)
  • autorità del dominio
  • coerenza fra attività e query per cui ci si vuole posizionare
  • keyword all’interno del tag title
  • percentuale di CTR e altri fattori legati al comportamento degli utenti
  • dominio responsive
  • velocità del sito
  • social signals

Inoltre, è necessario ottimizzare i contenuti in vista della local SEO: tag title, tag description, h1 e h2 dovranno contenere il nome della città in cui l’attività ha sede, senza dimenticare il tag Alt delle immagini.

È importante anche inserire la mappa Google all’interno del sito e i NAP (nome indirizzo numero di telefono) in ogni pagina del sito.

Ci sono dunque fattori on page e off page che bisogna considerare per avere una buona strategia di local SEO: non vanno trascurati le azioni di link building e digital PR oltre a tutto il resto usabilità eccetera.

Conclusioni

Un’attività locale ha bisogno una strategia di local SEO. Trascurare quest’aspetto è davvero controproducente: inserita in una strategia di web marketing, può contribuire al successo delle aziende che lavorano soprattutto a livello locale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

© 2022 Get Optimize S.r.l. - Web Agency & Web Marketing a Napoli – P.Iva: 08782811213 – Tutti i diritti riservati