MENU

Facebook Ads: perché investire? La guida completa per il 2018

Facebook Ads: perché investire? La guida completa per il 2018

Il social media marketing è ormai una realtà che nessuna azienda, né B2B né B2C, dovrebbe ignorare.

Tra tutti i social disponibili, Facebook è uno dei più utilizzati per fare marketing, non solo perché è uno dei social più popolati (circa 2 miliardi di iscritti!), ma anche perché, per la sua natura, può essere utile alle aziende più diverse.

Aprire una pagina aziendale su Facebook è comunque solo il primo passo: prima o poi l’azienda dovrà preventivare di investire una parte del budget nelle Facebook Ads.

Con il crollo della portata organica è infatti indispensabile sponsorizzare post e pagine per ottenere risultati.

Tuttavia non basta investire dei soldi per avere risultati: bisogna capire come creare una campagna efficace. Di qui la necessità di questa guida, che illustrerà come funziona una campagna di Facebook Ads e di quali fattori si dovrà tener conto. Cominciamo!

Che cos’è Facebook Ads

Semplicemente, è la piattaforma pubblicitaria di Facebook.

Grazie a Facebook ADS è possibile creare un account pubblicitario e dare vita a campagne che in termini di ROI  può garantire risultati sorprendenti.

Perché investire in Facebook Ads

Grazie alla notevole quantità di dati che Facebook acquisisce ogni giorno dai propri utenti in maniera spontanea, è possibile indirizzare gli annunci al proprio target di riferimento e utilizzare il budget per attirare solo chi può avere un interesse nel nostro business.

Dunque Facebook è uno dei canali potenzialmente più efficaci per ottenere lead e trasformarli in clienti. Rispetto ai media tradizionali come la tv, la radio e la stampa, Facebook Ads permette di essere quasi chirurgici nella scelta del proprio target e, di conseguenza, di avere un’efficacia molto maggiore rispetto ai vecchi modi di fare pubblicità.

Facebook Ads, inoltre, permette di fare campagne diverse a seconda degli obiettivi: brand awareness,  acquisizione di lead, conversioni, etc; inoltre, si possono fare azioni efficacissime di remarketing e retargeting.

Grazie a Facebook ADS, possiamo promuovere un sito web , una landing o una app, oltre naturalmente a una pagina Facebook e ai relativi post.

Il vantaggio di Facebook ADS è che anche le piccole e medie imprese, quelle che di solito non hanno  budget investire in pubblicità “tradizionale”, possono raggiungere prospect e clienti investendo cifre relativamente basse.

Quanto costa Facebook Ads

Si può dire con assoluta certezza che Facebook Ads, in proporzione, costa meno di altri mezzi attraverso cui  fare pubblicità, come altre piattaforme pubblicitarie online.

Nonostante i costi relativamente bassi, il rischio di fare investimenti pubblicitari in annunci poco efficaci esiste anche su Facebook Ads.

Bisogna ricordare, infatti, che Facebook non ha un prezzo fisso, ma funziona come fosse un’asta, in cui vari annunci entrano in competizione fra loro.

Gli elementi che determinano quale annuncio prevarrà sugli altri sono diversi: efficacia della targettizzazione, CTR (click-through-rate), efficacia del copy, interazione col post da parte degli utenti.

Per ogni annuncio, Facebook prevede un punteggio da 1 a 10: migliore sarà l’interazione col post (es: numero di click), maggiore sarà la probabilità che il nostro target veda l’annuncio e, di conseguenza, meno spenderemo per l’asta.

Più il settore è competitivo, più sono elevati i costi; i costi aumentano anche a seconda del momento in cui si pubblicano gli annunci, per esempio durante il Natale o durante eventi particolari come il Black Friday, i costi lievitano.

Facebook permette di scegliere di pagare solo quando un utente compie un’azione (compilare un form, acquistare un prodotto, visitare una pagina, etc.), oppure pagare per impression cioè per ogni visualizzazione dell’annuncio.

Di conseguenza il costo delle Facebook Ads può salire o scendere a seconda delle efficacia dell’annuncio e della risposta degli utenti.

Quali obiettivi è possibile raggiungere con Facebook

Facebook ADS permette di raggiungere tanti obiettivi diversi.

Al momento della creazione della campagna, la piattaforma permette di scegliere in maniera precisa l’obiettivo dell’annuncio.

Fra gli obiettivi possibili, troviamo:

  • notorietà del Brand
  • interazione con i post
  • risposta un evento
  • acquisizione di contatti
  • visita al punto vendita
  • installazione dell’app

e vari altri! È possibile raggiungere praticamente qualsiasi obiettivo di marketing.

Ricordiamoci, comunque, che i social media, in particolare Facebook, non nascono per la vendita diretta: le persone non vanno sui social per comprare.

Una  volta definito l’obiettivo, Facebook permette di definire altri parametri:

  • il pubblico (fra cui anche il pubblico personalizzato e sosia)
  • i posizionamenti
  • il budget e la programmazione, è possibile avere il budget totale e budget giornaliero
  • l’ottimizzazione per tipo di campagna
  • l’importo dell’offerta (ossia il bidding, che può essere automatico o manuale)
  • il copy dell’annuncio e il tipo di annuncio (video, foto, testo, link)

Una volta pubblicato l’annuncio è possibile monitorare le performance e alla fine misurare ROI e ROAS (Return of Advertising Spend).

Infine, Facebook permette di ricavare report molto dettagliati dalle campagne, in modo da capire quali hanno funzionato e quali no.

Facebook o Google AdWords?

La questione è relativa a uno dei principi di marketing: la domanda latente e la domanda consapevole.

Quando una persona cerca un determinato prodotto o servizio, si parla di domanda consapevole.

La domanda latente si ha quando si stimola in un utente il desiderio, ancora inespresso ma, per l’appunto, “latente”, il desiderio di acquistare un prodotto o un servizio.

Nel primo caso è meglio sfruttare Google AdWords, nel secondo può essere molto utile fare campagne di Facebook Ads.

Di conseguenza, Google AdWords e Facebook ADS non devono essere visti come alternative, ma come due piattaforme complementari all’interno di un’unica strategia di marketing.

Conclusioni

Facebook Ads offre tantissime possibilità ai marketers.

Per per un’azienda, pensare di essere su Facebook e non investire in Ads è quantomeno controproducente: è notizia degli ultimi che Facebook ridurrà ancora di più la copertura organica dei post delle pagine aziendali a favore di post di amici e parenti.

Sarà necessario dunque non solo “sponsorizzare” post e pagine, ma invitare gli utenti a una maggiore interazione: più gli annunci avranno un interazione che deve essere naturale non forzata, più sarà possibile che il vostro annuncio venga visualizzato da clienti e prospect.

Come in tutte le cose del web marketing, anche su Facebook Ads è necessario sperimentare, cercare nuove soluzioni e analizzare i dati per scoprire quali e tattiche funzionano meglio.

Mi occupo di SEO & Web Marketing con un approccio Inbound oriented. In Get Optimize mi occupo della creazione di strategie per attrarre, convertire e fidelizzare visitatori e clienti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

© 2020 Get Optimize S.r.l. - Web Agency & Web Marketing a Napoli – P.Iva: 08782811213 – Tutti i diritti riservati