Cookie Consent by Free Privacy Policy website
MENU

Come fare link building: la guida definitiva 2018

Come fare link building: la guida definitiva 2018

L’obiettivo di ogni sito web (blog, eCommerce, sito web statico, landing page) è quello di posizionarsi il più in alto possibile nelle Serp di Google, il principale motore di ricerca.

Una delle tecniche più efficaci per migliorare il posizionamento organico nelle SERP di Google è rappresentato dalla link building. La link building è tuttora un tema controverso perché spesso frainteso.

Cerchiamo di capirne di più insieme.

Cos’è la link building

La link building fa parte della cosiddetta SEO off-page. La traduzione letterale di link building è “costruzione dei link”, e in effetti di questo si parla: aumentare, in maniera diretta o indiretta, la quantità di backlink al proprio sito con l’obiettivo di accrescerne autorevolezza e popolarità.

Più autorevolezza e più popolarità significano (anche se non in modo automatico) aumentare la possibilità di finire nella prima pagina di Google.

Per riuscirci, è necessario ottenere backlink di qualità, che portino con sé un valore aggiunto: per esempio, se un sito autorevole, con un grosso seguito, linka un nostro articolo del blog, Google “premierà” il nostro sito.

La link building, quindi, non è affatto una strategia da sottovalutare o da mettere in secondo piano, né è morta con l’avvento dell’algoritmo Penguin, come sostengono in molti: la stessa Google ha recentemente indicato nei backlink uno dei tre segnali principali di ranking.

A differenza di quando bastavano una buona dose di backlink, anche di dubbio valore, per far salire nelle SERP il nostro sito, con l’aggiornamento a Google Penguin è fondamentale costruire una strategia che preveda una link building di qualità, soprattutto per evitare eventuali penalizzazioni.

Anatomia di un link

Detto semplicemente, un link è una porzione di testo (anchor text) che contiene un collegamento ipertestuale, il quale può rimandare a un’altra pagina del sito (link interno) o a un altro sito (link esterno). In altre parole, se il web è un’enorme città piena di case, i link sono i mattoni sui cui è stata eretta la città.

Per avere valore, un link deve essere di buona qualità, ma non è sufficiente solo questo aspetto. Per esempio, un link posizionato in una parte di un contenuto (pagina, blog post, etc) ha più valore rispetto a un link posizionato nel footer o nella sidebar.

C’è poi la questione legata all’anchor text: Google considera l’anchor text un “segnale”. Utilizzare sempre la solita anchor text secca è un errore. Meglio invece usare sinonimi o longtail keyword (keyword con più parole) attinenti al contenuto del testo, a patto che siano inseriti in modo naturale nel testo.

Link dofollow o nofollow?

Ecco un altro aspetto importantissimo da considerare in ogni strategia di link building.

In sintesi, il link dofollow dovrebbe essere prediletto, ma se vediamo che un link proviene da un sito di cattiva qualità, che rischia di penalizzarci, meglio mettere il rel no follow, che equivale a dire a Google: “Non seguire questo link!”.

Ma cosa significa link di buona qualità?

Al di là degli aspetti tecnici, un link di buona qualità è semplicemente un link che proviene da un sito considerato autorevole da Google (cioè con un buon trust).

Viceversa, se un link proviene da un sito di dubbia qualità (siti che copiano in toto i contenuti, che abusano di click baiting, con un cattivo trust, lenti etc.) è da evitare perché potenzialmente dannoso.

Più nello specifico, la qualità di un link dipende da una serie di fattori:

  • Anzianità del dominio
  • Domain Authority
  • Traffico verso il sito e qualità dei contenuti

Fattori che penalizzano il posizionamento del sito

Sempre in relazione alla link building, i fattori di penalizzazione di un sito possono essere parecchi:

  • iperottimizzazione dei link, cioè quando i link in entrata hanno anchor text sempre uguali (esempio: una serie di articoli che rimandano con la longtail “strategie di link building”)
  • scarsa qualità del sito da cui proviene il backlink (web design poco curata, UX approssimativa, contenuti mediocri, uso di click baiting, etc)
  • backlink da siti non pertinenti
  • acquisti in massa di backlink di scarsa qualità
  • link tra siti dello stesso network

Alcune strategie di link building

Innanzitutto ricordiamo che ottenere backlink in modo naturale è un principio sempre valido: per ottenerli, bisogna scrivere contenuti di ottima qualità, cioè contenuti che risolvano un problema concreto delle persone. Così, le persone premieranno il nostro contenuto e Google premierà noi!

Scopriamo ora alcune buone pratiche di link building.

Guest Blogging

Si tratta della stesura di un articolo o un post in un altro blog o sito (che tratti argomenti attinenti al nostro) in cambio di un backlink. Il post dev’essere originale e deve analizzare un tema o a risolvere un problema in maniera diversa da quanto già è presente sul web.

Blog aziendali e content marketing

Come già accennato, creare un blog con contenuti di valore, ben formattati  scritti in modo chiaro, stimolano la condivisione naturale.

Anche linkare altri blog (ma non scambio di link!) di qualità può essere utile per via del principio di reciprocità (uno dei principi cardini del marketing).

Funzionano molto bene anche le guide, i tutorial (video soprattutto), le infografiche e le interviste.

Strategie controverse

Sono considerate strategie controverse, invece, l’iscrizione alle directory e i commenti con link in forum e blog altrui: attualmente sono pratiche sconsigliate perché assimilate allo spam.

Una tecnica di link building (più) avanzata: la broken link building

Altre tecniche di link building sono più complesse, come la broken link building, che consiste nel recuperare link rotti e sfruttarli per linkare i propri contenuti, contattando il proprietario del blog o del sito in cui è presente il link rotto. Valgono sempre i criteri di pertinenza e di qualità.

Conclusioni: la link building è…

Una strategia efficace per aiutare il posizionamento del proprio sito. Attenzione, però: la link building richiede tempo, non si possono ottenere risultati eccezionali in un mese di attività. L’importante è attivare una strategia che sia duratura nel tempo, evitando trappole e scorciatoie.

Hai bisogno di una strategia di link building? Contattaci!

Mi occupo di SEO & Web Marketing con un approccio Inbound oriented. In Get Optimize mi occupo della creazione di strategie per attrarre, convertire e fidelizzare visitatori e clienti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

© 2022 Get Optimize S.r.l. - Web Agency & Web Marketing a Napoli – P.Iva: 08782811213 – Tutti i diritti riservati